Disturbo da Tic
Introduzione
Diagnosi di Tic
Comprensione Tic
Terapia dei Tic
Informazioni
A Chi Rivolgersi
Progetto Salute
 

 

scienza salute informazione eventi

 

 

SRM Psicologia nei mass-media - la scienza e l'informazione

 

 


 

Disturbo da Tic
diagnosi e terapia psicologica del disturbo da TIC motori e vocali

Centro di Terapia Psicologia

 

Disturbo da Tic: Diagnosi e Cura in Psicologia Emotocognitiva

Disturbo da TIC: Sintomi e Diagnosi

criteri diagnostici utilizzati per la diagnosi fenomenologica del disturbo da TIC

Per la valutazione diagnostica di tipo fenomenologico si farà riferimento al manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali, IV edizione, text-revision (DSM-IV-TR).

I disturbi da TIC comprendono:

  • il Disturbo di Tourette (o sindrome di Tourette)

  • il Disturbo Cronico da Tic Motori o Vocali

  • il Disturbo Transitorio da Tic ed il Disturbo da Tic Non Altrimenti Specificato.

Tali disturbi possono essere distinti l'uno dall’altro a seconda della durata, della varietà dei tic e dell'età di esoridio.

Disturbo Transitorio da TIC
Il Disturbo Transitorio da Tic si distingue per la presenza di tic motori singoli o multipli e/o di tic vocali. I tic si manifestano molte volto al giorno per almeno 4 settimane, ma non per più di 12 mesi consecutivi. Le altre caratteristiche del disturbo sono generalmente le stesse del Disturbo di Tourette, tranne che per la gravità dei sintomi e la compromissione funzionale, in questi casi molto minori.

Sindrome di Tourette
Il Disturbo di Tourette è caratterizzato dalla presenza di tic motori multipli e uno o più tic vocali, non necessariamente in modo simultaneo, i quali si manifestano molte volte al giorno (di solito ad accessi) quasi ogni giorno o in maniera intermittente durante un periodo di più di 1 anno e, durante questo periodo non vi è mai stato un periodo di più di 3 mesi consecutivi senza tic.

Disturbo Cronico da TIC Motori
Della stessa durata del Disturbo di Tourette (almeno 12 mesi) è il Disturbo Cronico da Tic Motori o Vocali, la cui caratteristica fondamentale è la presenza o di tic motori o di tic vocali, ma non di entrambi.

Ai fini di una diagnosi positiva di disturbo da tic è necessario che l’anomalia causi notevole disagio o significativa compromissione nell’area sociale, lavorativa (o scolastica) o in altre aree importanti del funzionamento;
Per i manuali diagnostici l'anomalia non deve essere meglio giustificata dagli effetti fisiologici diretti di una sostanza o da una condizione medica generale.
Inoltre i disturbi da tic hanno esordio prima dei 18 anni.

Per una valutazione diagnostica del disturbo da TIC si ricorda la necessità di rivolgersi a professionisti psicologi realmente esperti nel settore. Questo in quanto la valutazione diagnostica è una complessa prestazione clinico-sanitaria che non si limitata a considerare la sola presenza delle manifestazioni sintomatologiche.
Il clinico infatti valuterà la significatività clinica della sintomatologia, la sua corretta interpretazione, valuterà i processi di funzionamento globale ed ogni criterio di esclusione.

Spesso presso i nostri centri di terapia psicologica si presentano persone che hanno subito trattamenti per TIC sottovalutando la presenza di disturbo come il disturbo d'ansia ossessivo-compulsivo molto spesso associato al disturbo da TIC.
Una valutazione clinica attenta permette una soluzione più rapida del disturbo mentre un errato o superficiale processo diagnostico-differenziale od una mancata valutazione del funzionamento sistemico potrebbe portare ad una cronicizzazione della patologia che, se protratta, può essere più difficile da scardinare (seppure possibile).

Introduzione Diagnosi Comprensione Terapia Credits

Hit Counter