Sintomi Psicologici e Disturbi Mentali
campagne di divulgazione scientifica in psicologia clinica, psicopatologia generale e della personalità
disturbi clinici in età adulta, disturbi psicologici in bambini e adolescenti, problemi relazionali e psicosociali
per la diagnosi e la terapia psicologica breve riabilitativa senza farmaci e senza psicoterapia

 

 

SRM Psicologia
Home Page
Centri Diagnosi e Cura
Sintomi e Disturbi
Eventi Corsi e Gruppi
Chiedi allo Psicologo
Pubblicazioni-Didattica
Area Psicologi
Gruppo SRM
Segreteria Generale

 

 

Disturbi della Comunicazione
psicologia problemi di linguaggio problemi fonetici e fonologici balbuzie comunicazione pragmatica
 

Disturbo del Linguaggio

difficoltà persistenti nell'acquisizione e nell'uso di diverse modalità di linguaggio (parlato, scritto, gestuale o di altro tipo) dovute a deficit della comprensione o della produzione, con capacità significativamente inferiore e quantificabile a quelle attese per l'età, con esordio nel periodo precoce dello sviluppo e non dovute a condizioni mediche generali, che comprendono: lessico ridotto (conoscenza e uso delle parole), limitata strutturazione delle frasi (capacità di mettere insieme parole per formare frasi fondate sulle regole sintattiche e morfologiche), compromissione delle capacità discorsive (capacità di usare le parole e di connettere le frasi tra loro per spiegare o descrivere un argomento o una serie di eventi o per sostenere una conversazione).

Disturbo fonetico-fonologico

persistente difficoltà nella produzione dei suoni dell'eloquio che interferiscono con l'intelligibilità dell'eloquio o impedisce la comunicazione verbale dei messaggi. Il problema è tale da causare limitazioni dell'efficacia della comunicazione che interferiscono con la partecipazione sociale, il rendimento scolastico (o le prestazioni professionali) individualmente o in qualsiasi altra combinazione. L'esordio dei sintomi deve essere nel periodo precoce dello sviluppo e le condizioni non devono essere attribuibili a condizioni congenite o altre condizioni mediche generali.

Disturbo della fluenza (balbuzie)

alterazione della normale fluenza e della cadenza dell'eloquio, inappropriate per età e abilità linguistiche della persona, persistenti nel tempo e caratterizzate dal frequente e marcato verificarsi di almeno uno dei seguenti elementi: 1) ripetizione di suoni e sillabe; 2) prolungamento dei suoni delle consonanti, così come delle vocali; 3) interruzione di parole (es. pause all'interno di una parola); 4) blocchi udibili o silenti (pause del discorso colmate o non colmate); 5) circonlocuzioni ;(sostituzioni di parole per evitare parole problematiche); 6) parole pronunciate con eccesiva tensione fisica; 7) ripetizione di intere parole monosillabiche (es., "lo-lo-lo-lo vedo"). L'alterazione della fluenza causa ansia nel parlare o limitazioni dell'efficacia della comunicazione, della partecipazione sociale, o del rendimento, sia a livello individuale che in altre combinazioni. L'esordio può avvenire sia nel periodo precoce dello sviluppo (disturbo della fluenza con esordio nell'infanzia) sia in età adulta (disturbo della fluenza con esordio in età adulta).

Disturbo della comunicazione sociale (pragmatica)

persistenti difficoltà nell'uso sociale della comunicazione verbale e non verbale come manifestato da: 1) deficit dell'uso della comunicazione per scopi sociali, come salutarsi e scambiarsi informazioni, con modalità appropriate al contesto sociale; 2) compromissione della capacità di modificazione la comunicazione al fine di renderla adeguata al contesto o alle esigenze di chi ascolta, come parlare diversamente a seconda che ci si trovi in un'aula scolastica o in un parco giochi, parlare con un bambino diversamente da come si parla con un adulto, ed evitare l'uso di un linguaggio troppo formale; 3) difficoltà nel seguire le regole della conversazione e della narrazione, come rispettare i turni in una conversazione, riformulare una frase quando male interpretata e saper utilizzare i segnali verbali e non verbali per regolare l'interazione; 4) difficoltà nel capire ciò che non viene dichiarato esplicitamente (es. fare inferenze) e i significati non letterali o ambigui del linguaggio (es. idiomi, frasi umoristiche, metafore, significati molteplici la cui interpretazione dipende dal contesto).

Redazione SRM Psicologia
Centri di Psicologia Emotocognitiva

 
 

 

Progetto "Psicologia: Una Risorsa per la Salute" (PRS) per l'informazione scientifica in ambito psicologico
Sezione "informazione in psicopatologia". Diagnosi clinica, comprensione e terapia psicologica breve disturbi mentali
a cura di SRM Psicologia e Centri di Trattamento Psicologico indirizzo di Psicologia Emotocognitiva

ALL RIGHTS RESERVED - TUTTI I DIRITTI RISERVATI -  VIETATE COPIA E RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALI NON AUTORIZZATE - SRM PSICOLOGIA ONLINE DAL 1998

Contatore siti