Domande allo Psicologo
servizio gratuito di domande e risposte su temi di psicologia, psicopatologia, sessuologia, educazione
le risposte nei nostri esperti psicologi, sessuologi, educatori e altri professionisti e cultori della materia
a cura del progetto PRS: "Psicologia: Una Risorsa per la Salute"

 

 

Home > Terapia Psicologica > FAQs > Disturbo Borderline

SRM Psicologia
Home Page
Centri Diagnosi e Cura
Sintomi e Disturbi
Eventi Corsi e Gruppi
Chiedi allo Psicologo
Pubblicazioni-Didattica
Area Psicologi
Gruppo SRM
Segreteria Generale

 

 

Figlia con diagnosi di disturbo borderline di personalità
disturbo borderline - disturbi di personalità - famiglie con figli affetti da disturbi di personalità cosa fare?
 

DOMANDA. Siamo i genitori di una ragazza (21 anni) affetta da una sindrome di tipo borderline. La situazione familiare, come può immaginare, è non gestibile. Litigi frequenti con urla, rabbia, ira incontrollata e costanti minacce di suicidio (non ha mai tentato seriamente di uccidersi). Si procura però taglietti sulle braccia che cerca di nascondere. Abbiamo scoperto che ha fatto uso di droga ma dice di aver smesso e ha manifestato delle condotte che ci fanno pensare alla bulimia. Si abbuffa di notte (la mattina il frigorifero è svuotato) ma non sappiamo se vomita. Finora abbiamo provato con cure di tipo psichiatrico ma senza successo. Si è riuscita a diplomare a stento. Ora non fa nulla anche se non sta mai a casa. Frequenta inoltre amicizie poco raccomandabili e spende oltre le sue possibilità. Abbiamo paura che la situazione possa degenerare. Cosa possiamo fare?


RISPOSTA. Gestire una situazione familiare di questo tipo è molto complesso senza un supporto psicologico costante rivolto alle famiglie. Spesso la famiglia di un paziente con diagnosi di disturbo borderline si trova isolata, non sa come comportarsi, si sente impotente in quanto sente che ogni tipo di comportamento e comunicazione non produce nessun beneficio. Sembra anzi che più si cerca di aiutare più la situazione si complica. In genere i pazienti con diagnosi di disturbo borderline di personalità utilizzano l'arma del senso di colpa. Riescono a fare leva sui sensi di colpa della famiglia, degli amici e dei parenti per manipolare l'ambiente e le loro relazioni. Il problema principale è sicuramente l'impulsività che si può manifestare con condotte dannose come bulimia, abbuffate, sessualità promiscua e spesso mancato uso di protezione in rapporti sessuali occasionali, spendere eccessivamente, non conservazione di denaro, guida spericolata e uso di sostanze come hashish, cocaina, acidi e molto spesso alcol. Ci possono essere serie difficoltà in ogni impegno che richieda costanza e responsabilità (andare a scuola, lavoro, andare dallo psicologo,...). Sono persone costantemente annoiate e che alternano stati di pessimismo, a momenti in cui possono sembrare più euforici ma sempre con una certa rabbia (a volte con eccessi di ira incontrollati ma di durata breve). Sono essenzialmente delle persone che utilizzano una modalità drammatica di relazionarsi con gli altri ed i familiari. Una delle condotte che possiamo definire impulsive più drammatiche è sicuramente l'autolesionismo (tagli su braccia e gambe, bruciature di sigarette, graffiarsi, procurarsi ferite e contusioni, ecc.) e ciò che ruota intorno all'idea di suidicio che va dall'ideazione sucidaria (pensieri di morte), fino ai tentativi di suicidio multipli. Lo spettro del disturbo borderline di personalità è molto ampio ed è caratterizzato, oltre che dall'impulsività, anche una forte alterazione dell'immagine di sé, degli altri e soprattutto dell'umore. Sono persone che temono l'abbandono e potrebbero fare di tutto, soprattutto come tentativo di vendetta, se pensano di essere abbandonate o se si verifica un reale abbandono.

a cura del Dott. Marco Baranello
psicologo, direttore scientifico SRM Psicologia

Torna al Servizio "Chiedi allo Psicologo"

 
Domande Psicologo

 

 

servizio gratuito FAQS, domande allo psicologo, inserito nel progetto "Psicologia: Una Risorsa per la Salute" a cura della SRM Psicologia
e in collaborazione con Centri di Psicologia Emotocognitiva. Le risposte indicate rappresentano informazioni generali, per qualsiasi questione di natura sanitaria è necessario rivolersi direttamente presso un professionista della salute

ALL RIGHTS RESERVED - TUTTI I DIRITTI RISERVATI -  VIETATE COPIA E RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALI NON AUTORIZZATE - SRM PSICOLOGIA ONLINE DAL 1998

Contatore siti