Domande allo Psicologo
servizio gratuito di domande e risposte su temi di psicologia, psicopatologia, sessuologia, educazione
le risposte nei nostri esperti psicologi, sessuologi, educatori e altri professionisti e cultori della materia
a cura del progetto PRS: "Psicologia: Una Risorsa per la Salute"

 

 

SRM Psicologia
Home Page
Centri Diagnosi e Cura
Sintomi e Disturbi
Eventi Corsi e Gruppi
Chiedi allo Psicologo
Pubblicazioni-Didattica
Area Psicologi
Gruppo SRM
Segreteria Generale

 

 

Curare l'insonnia e altri disturbi del sonno
cura psicologica dell'insonnia curare l'insonnia in modo naturale senza farmaci e senza psicoterapia
 

DOMANDA. Gentile dottore, da diversi anni assumo farmaci per cercare di dormine. Il mio problema principale è proprio l'insonnia. Ho sia difficoltà ad addormentarmi e sono costantemente irrequieto, agitato ed insofferente. Mi arrabbio facilmente ed ho una forte stanchezza durante il giorno che mi causa anche difficoltà nel risveglio. Faccio un'enorme sforzo ad alzarmi. Spesso ho risvegli durante la notte e, la cosa strana, è che mi risveglio sempre alla stessa ora. Non so quanto riuscirò a sopportare questa situazione che mi sta causando problemi anche nelle mie relazioni e, come potrà ben immaginare, sul lavoro.  Ho provato tecniche di respirazione e di rilassamento ed ho preso melatonina per un periodo ma senza risultati definitivi. Ho letto un articolo sulla terapia psicologica dell'insonnia e volevo chiederle se è davvero possibile risolvere il problema senza farmaci.


RISPOSTA. Il problema dell'insonnia primaria come le tutte le situazioni psicogene, ovvero di origine psicologica, può essere affrontato attraverso le nuove metodologie cliniche prodotte dal nostro modello, la psicologia emotocognitiva. Dai dati clinici a nostra disposizione possiamo affermare che è anche uno dei sintomi risolvibili nei tempi più brevi. Ovviamente ogni specifica situazione va valutata in un contesto clinico da psicologi in grado di utilizzare le nuove metodologie di intervento. Quando parliamo di "psicologia" occorre comunque ricordare che non ci riferiamo a vecchi concetti retorico-filosofici e a contenuti simbolici ma a processi di organizzazione di tipo psicofisiologico dell'organismo che investono il sistema nervoso centrale e periferico. La psicologia emotocognitiva interviene proprio nello scardinare i processi fisiologici che stanno alla base del mantenimento del sintomo intervendo non attraverso cure di tipo farmacologico ma grazie a stimolazioni di natura psicologica in grado di riportare l'organismo ad uno stato di normale funzionamento. L'uso dei farmaci spesso può portare a forme di dipendenza psicologica e/o fisiologica e sostituirsi alle risorse che l'organismo è in grado di produrre in modo autonomo. Di fatto sosteniamo che nella maggior parte dei casi il farmaco impedisce di fatto la soluzione del sintomo in quanto antagonista dei processi autonomi. In sintesi il trattamento psicologico attraverso l'uso tecnico della psicologia emotocognitiva è in grado, dopo attenta valutazione clinica, di portare il sintomo a remissione, generalmente in tempi di trattamento piuttosto brevi.

a cura del Dott. Marco Baranello
psicologo, direttore scientifico SRM Psicologia

Torna al Servizio "Chiedi allo Psicologo"

 
Domande Psicologo

 

 

servizio gratuito FAQS, domande allo psicologo, inserito nel progetto "Psicologia: Una Risorsa per la Salute" a cura della SRM Psicologia
e in collaborazione con Centri di Psicologia Emotocognitiva. Le risposte indicate rappresentano informazioni generali, per qualsiasi questione di natura sanitaria è necessario rivolersi direttamente presso un professionista della salute

ALL RIGHTS RESERVED - TUTTI I DIRITTI RISERVATI -  VIETATE COPIA E RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALI NON AUTORIZZATE - SRM PSICOLOGIA ONLINE DAL 1998

Contatore siti