Domande allo Psicologo
servizio gratuito di domande e risposte su temi di psicologia, psicopatologia, sessuologia, educazione
le risposte nei nostri esperti psicologi, sessuologi, educatori e altri professionisti e cultori della materia
a cura del progetto PRS: "Psicologia: Una Risorsa per la Salute"

 

 

Home > Terapia Psicologica > FAQs > Efficacia Cure Psicologiche

SRM Psicologia
Home Page
Centri Diagnosi e Cura
Sintomi e Disturbi
Eventi Corsi e Gruppi
Chiedi allo Psicologo
Pubblicazioni-Didattica
Area Psicologi
Gruppo SRM
Segreteria Generale

 

 

Efficacia della terapia psicologica
trattamenti psicologici e prove di efficacia su cosa sono basta come faccio a sapere se una cura funziona?
 

DOMANDA. Vorrei rivolgermi a uno psicologo ma vorrei delle garanzie sull'efficacia reale del trattamento psicologico. Come faccio a sapere se un trattamento per me è davvero efficace?


RISPOSTA. Il trattamento psicologico è una prestazione sanitaria che coinvolge tanto lo psicologo quanto la persona che si rivolge al professionista ed è basato essenzialmente sull'uso di strumenti conoscitivi e d'intervento di tipo psicologico, quindi senza uso di psicofarmaci e senza psicoterapia. Questa premessa è necessaria in quanto essendo un trattamento basato sul rapporto tra persone l'efficacia è determinata anche da fattori legati alla compliance al trattamento da parte del paziente. Escluse quindi condizioni mediche generali che possano giustificare la presenza di un disturbo l'efficacia del trattamento psicologico può essere determinata dalla tipologia di modello teorico di riferimento, dalle capacità di comunicazione dello psicologo, da quanto il paziente si attenga alle indicazioni dello psicologo, da quanto tali indicazioni siano seguite anche dopo la fine del rapporto clinico, da quanto il problema non sia sostenuto da altri fattori e così via. L'efficacia del trattamento quindi si può basare esclusivamente su dati statistici rispetto ai casi già trattati. Anche però i dati statistici possono risentire del modello utilizzato per la valutazione dell'efficacia.
In psicologia emotocognitiva, ad esempio, l'efficacia è valutata sulla remissione sintomatologica, un criterio che può essere facilmente verificato anche direttamente dal soggetto. Se un paziente giunge con un sintomo e il sintomo va in remissione (parziale o totale) allora siamo di fronte a un certo livello di efficacia.
Per quanto ci riguarda nell'applicazione in ambito clinico della teoria emotocognitiva pensiamo che le variabili in gioco siano legate sia alla capacità del professionista di utilizzare strategie di comunicazione adeguate per offrire al paziente una chiara visione del funzionamento dell'organismo, sia alla motivazione del paziente nel voler risolvere il problema e quindi da quanto il paziente si attenga in modo scrupoloso alle indicazioni del clinico. Certezze in ambito sanitario non possono ovviamente essere fornite e questo vale tanto per la psicologia quanto per la medicina. Esistono comunque dei dati che possono indicare una "garanzia" probabilistica. Per fare un esempio abbiamo riscontrato (dati SRM del 2009) che il 75% dei pazienti, indipendentemente dalla tipologia di problema, ottiene ottimi benefici in termini di remissione sintomatologica spontanea (parziale o completa) in una media di circa 6-7 sedute. I pazienti sembrano mantenere i risultati raggiunti nel medio e lungo periodo con alcuni casi di ricadute per i quali sembrano essere sufficienti poche visite di controllo per rinforzare l'efficacia del trattamento. Per alcuni disturbi specifici come fobie, attacchi di panico, tic i dati sull'efficacia superano l'83% dei casi risolti. Essendo prestazioni di tipo professionale basate su ricerche-intervento l'efficacia può incrementare grazie a nuove acquisizioni teoriche e tecniche e quindi all'adeguamento delle prestazioni sanitarie a nuove conoscenze. Le prestazioni psicologiche non utilizzano presidi medico-chirurgici e quindi gli effetti collaterali sono praticamente nulli e la possibilità di interrompere in qualsiasi momento il trattamento qualora non si evidenziasse efficacia nei tempi concordati con lo psicologo, rende comunque l'intervento di tipo psicologico un intervento a rischio bassissimo. In psicologia emotocognitiva adottiamo un modalità di trattamento psicologico, senza uso di psicofarmaci e senza psicoterapia, che, al fine di tutelare il paziente in ambito psicologico, prevede l'interruzione del trattamento qualora non si evidenziassero effetti concreti di sblocco della situazione entro le prime sedute (mediamente 4-5 incontri). Questo atteggiamento da parte degli psicologi emotocognitivi è stato possibile grazie ai dati sull'efficacia del trattamento psicologico a orientamento di psicologia emotocognitiva che hanno dimostrato nella maggior parte dei casi trattati uno sblocco della situazione entro tale range di sedute.

a cura del Dott. Marco Baranello
psicologo, direttore scientifico SRM Psicologia

Torna al Servizio "Chiedi allo Psicologo"

 
Domande Psicologo

 

 

servizio gratuito FAQS, domande allo psicologo, inserito nel progetto "Psicologia: Una Risorsa per la Salute" a cura della SRM Psicologia
e in collaborazione con Centri di Psicologia Emotocognitiva. Le risposte indicate rappresentano informazioni generali, per qualsiasi questione di natura sanitaria è necessario rivolersi direttamente presso un professionista della salute

ALL RIGHTS RESERVED - TUTTI I DIRITTI RISERVATI -  VIETATE COPIA E RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALI NON AUTORIZZATE - SRM PSICOLOGIA ONLINE DAL 1998

Contatore siti