servizi integrati di comunicazione arte scienza società cultura salute
Archivio

RAI – Radio Anch’Io intervento Dott. Baranello su primo viaggio su Marte

4 giugno 2010 – Radio Rai – Radio Anch’Io – viaggio su Marte
 

Intervento del Dott. Marco Baranello, psicologo e scienziato, fondatore delle teorie emotocognitive in merito alla “simulazione del primo viaggio dell’uomo su marte” relativo all’esperimento, svolto in Russia a partire dal 3 giugno 2010, nel quale sei persone simuleranno un viaggio di 520 giorni verso Marte. Il Dott. Baranello risponde circa gli aspetti psicologici e le reazioni alla situazione di deprivazione sensoriale a cui possono essere sottoposti gli astronauti.

Spieghiamo in breve il senso, in termini tecnici, dell’intervento del Dott. Baranello ai lettori di SRM Psicologia Ufficio Stampa. Così come suggeriscono le teorie emotocognitive del nostro direttore scientifico ogni stimolo, sia esso esogeno che endogeno relativamente all’organismo che esperisce, produce attivazione che porta inevitabilmente all’attivazione conseguente delle cortecce motorie e quindi dei muscoli attraverso il sistema nervoso periferico. L’impossibilità di svolgimento dell’azione, quindi di scarica dell’attivazione (tensione) produce un ritorno afferente del segnale che inibisce su base volontaria l’azione creando un circuito chiuso di retroazione del segnale all’interno del sistema, quindi contratture muscolari, che possono amplificare la normale attivazione dovuta alla prima reazione dell’organismo e trasformarsi in risposta sintomatologica. Il segnale infatti, di natura elettrochimica può arrivare ad invadere effettori con minore resistenza. Di qui si svilupperebbero reazioni classicamente definite “psicosomatiche”. In stati di deprivazione, ovvero con un basso scambio dell’informazione, intesa come segnale di attivazione, sostiene Baranello, le risposte più frequenti sono quelle che alimentano il “pensiero sul pensiero” e che si possono tradurre in atteggiamenti “paraonoidi” o risposte depressive come reattive all’ansia, nonché tutta la gamma delle risposte psicofisiologiche. Per le teorie emotocognitive di Baranello, va ricordato, tutte le forme cosiddette patologiche hanno un’unica origine, una sola causa legata all’amplificazione intra-sistemica dei segnali a causa del processo psicofisiologico di attivazione inibitoria dell’azione. La modalità e la capacità di organizzazione in funzione della situazione di deprivazione determinerà, in termini probabilistici, la sanità o la patogenesi.
Questa è la base delle teorie sistemico-relativiste emotocognitive sviluppate dal Dott. Marco Baranello.

Lascia un commento

Contatore siti