Disturbo da Tic Motori e/o Vocali

diagnosi clinica e terapia psicologica breve riabilitativa dei tic nervosi in adulti e bambini

come curare i tic senza farmaci e senza psicoterapia con interventi psicologico e psicoeducativi

campagna informativa a cura del progetto PRS "Psicologia: Una Risorsa per la Salute"
 

 

Tic Nervosi e Tourette
Home Disturbo Tic
Introduzione
Sintomi e Diagnosi
Comprensione
Trattamento
Info e Approfondimenti

SRM Psicologia
Home Page
Centri Diagnosi e Cura
Sintomi e Disturbi
Eventi Corsi e Gruppi
Chiedi allo Psicologo
Pubblicazioni-Didattica
Area Psicologi
Gruppo SRM
Segreteria Generale

 

 

Trattamento psicologico del disturbo da tic sia in infanzia che età adulta
trattamenti educativi e terapia psicologica riabilitativa del disturbo da tic e della sindrome di Tourette
 
Terapia psicologica breve di riabilitazione del disturbo da tic e disturbo di Tourette

I disturbi da tic, indipendentemente dalla loro durata nel corso di vita o dalla loro apparente complessità, quando non sono dovuti agli effetti fisiologici diretti di una sostanza (sostanze di abuso o farmaci) e non dovuti ad altre condizioni mediche, sono problematiche trattabili con interventi psicologici ed educativi in genere di breve durata e molto più raramente con interventi di media-lunga durata. Il trattamento psicologico, adottando l'ottica della psicologia emotocognitiva di Baranello, è basato su metodologie prettamente psicoeducative, senza uso di psicofarmaci e senza psicoterapia. Il paziente che soffre di tic si trova in una condizione che definiamo "Loop Disfunzionale" (Baranello, 2006a) vale a dire un circuito chiuso fatto di tentativi di resistere al tic, evitare ove possibile situazioni imbarazzanti, nascondere il tic, resistere all'ansia in situazioni sociali nelle quali il tic si manifesta o potrebbe manifestarsi ovvero di resistere alla sofferenza primaria (Baranello, 2006b)

Esisterebbero, secondo lo psicologo Baranello, tre tipologie funzionali di tic:

  • Il tic involontario percepito

  • il tic involontario non percepito

  • il tic volontario (che riguarda soprattutto tic motori e vocali complessi)

Nel caso dei tic volontari, ovvero di quel movimento e/o vocalizzazione che la persona si sente costretto a mettere in atto al fine di ridurre uno stato di tensione e dei tic involontari percepiti, il trattamento psicologico a orientamento di psicologia emotocognitiva è generalmente molto breve in termini di numero di sedute complessive (in media è sufficiente l'applicazione di un singolo protocollo di trattamento non superiore alla decina di sedute più un brevissimo processo di mantenimento). Per i tic involontari non percepiti il trattamento, comunque breve, può richiedere qualche seduta in più (in media dalle dieci alle quindici sedute complessive).

Per la sindrome di Tourette la psicologia emotocognitiva suggerisce, come anche rispetto alla maggior parte dei tic nervosi complessi, di considerarla in realtà una forma di disturbo di natura ossessivo-compulsiva e come tale andrebbe trattato, inscrivendolo nello schema del "loop disfunzionale". Il trattamento in psicologia emotocognitiva prevede anche per la sindrome di Tourette, con tic motori e vocali, un percorso relativamente breve (10-15 sedute) basato sullo sblocco del loop. Per Baranello l'attivazione ad alta frequenza dovuta al tentativo volontario di controllo incrementa la tensione sintomo-specifica che mantiene a livello longitudinale il disturbo. Non si tratta quindi di una malattia ma di un problema che va corretto. La teoria emotocognitiva fornisce una base teorica nuova sul funzionamento sistemico che permette di orientare in modo più proficuo il trattamento educativo. L'intervento pertanto risulterà anche in questo caso prettamente psico-educativo orientato alla soluzione del processo circolare che, nel qui-e-ora, è la vera causa alla base del mantenimento del diturbo.

a cura di
Dott.ssa Carlotta Quagliarini

revisione del testo a cura del Dott. Marco Baranello
ultimo aggiornamento, 4 settembre 2016

come citare questa fonte

Quagliarini, C. Baranello, M.
(2016)
terapia psicologica riabilitativa dei disturbi da tic in psicologia emotocognitiva

in Quagliarini, C., Baranello, M. (2016)
Disturbi da tic motori, vocali e disturbo di Tourette.
Diagnosi con il DSM-5, comprensione e trattamento.
SRM Psicologia, Progetto PRS, settembre 2016


Riferimenti Bibliografici

  • APA (2013) Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali, quinta edizione (DSM-5), Raffaello Cortina Editore, Milano 2014.
     
  • Baranello, M. (2006a) psicologia emotocognitiva: il loop disfunzionale. Psyreview.org, Roma 10 marzo 2006.
     
  • Baranello, M. (2006b) i concetti di sofferenza primaria e sofferenza secondaria in psicologia emotocognitiva. Psyreview.org. Roma, 26 giugno 2006.

Versioni Precedenti

  • Quagliarini (2007) Disturbo da tic. Diagnosi con il DSM-IV-TR, comprensione e trattamento psicologico. SRM Psicologia, Progetto PRS, ottobre 2007.

 
 
 

 

Il materiale pubblicato ha scopo informativo generale. Per questioni di natura sanitaria riferirsi direttamente presso uno studio di psicologia.
Campagna Informativa su Disturbi da Tic Motori e Vocali e Disturbo di Tourette
sezione Psicopatologia dello Sviluppo del progetto d'informazione e orientamento "Psicologia: Una Risorsa per la Salute" (PRS).
a cura di SRM Psicologia - Centri di Psicologia Emotocognitiva - Istituto di Studi Emotocognitivi

ALL RIGHTS RESERVED - TUTTI I DIRITTI RISERVATI -  VIETATE COPIA E RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALI NON AUTORIZZATE - GRUPPO IDEAGONO.NET

Contatore siti